Parallels desktop come portare Windows su Mac facilmente

Parallels Desktop permette di eseguire facilmente programmi di Windows all’interno di una macchina virtuale (VM) agli utenti Mac, e grazie ai suoi aggiornamenti annuali sempre puntuali, si è guadagnato la fama di miglior programma di questo tipo su OS X.

La società rilascia aggiornamenti in concomitanza con le nuove versioni del sistema operativo di Apple, ed è giunto alla versione 13 con una serie di funzionalità che si concentrano sugli sviluppi dell’hardware Mac.

Indice

La divisione tra Windows e MacOS non è più così netta come in passato. Aldilà dei giochi, è possibile trovare una versione analoga della maggior parte dei software per Windows immersi anche nell’Apple Store o altrove online.
Tutte le principali suite di produttività sono sia MacOS e Windows – Microsoft Office, Adobe Creative Cloud e, naturalmente, Google G Suite.

Tuttavia, ci sono ancora casi in cui è necessaria un’installazione regolare di Windows. Numerosi strumenti software specializzati supportano solo una piattaforma o l’altra, e gli sviluppatori di software spesso hanno bisogno di accedere a un ambiente Windows per i test. È qui che entra in gioco Parallels desktop.

Il miglior Antivirus per Mac

L’installazione è rapida e non richiede alcun problema con le partizioni del disco rigido o i boot loader. Si installa come qualsiasi altra applicazione MacOS, fai clic su alcuni menu e il gioco è fatto.
Il resto dell’installazione continua con l’autopilota, scarica Windows 10 e ti guida velocemente attraverso tutta l’installazione.

L’installazione è guidata e non presenta nessuna difficoltà, risultando più semplice e immediata rispetto ad altri prodotti

Confrontate il processo di installazione con Boot Camp, ed è facile capire perché Parallels 13 sia l’opzione più attraente; per installare Boot Camp, è necessario partizionare il disco rigido, riavviare il Mac alcune volte e quindi gestire l’installazione di driver specifici per Mac sull’installazione di Windows.
Una volta installato, Parallels 13 offre tutte le funzionalità di Windows 10 in parallelo con MacOS. Puoi attivare Parallels dal menu delle applicazioni, oppure puoi semplicemente fare clic sulla nuova cartella Windows dal dock e saltare direttamente a qualsiasi app Windows, come se fosse solo una parte della tua esperienza con MacOS.

La transizione senza interruzioni tra Windows e MacOS è stata a lungo la meta finale di Parallels e l’ultima versione conferma quella tradizione storica. Windows 10 non è mai a più di un clic e le tue app Windows vivono persino nel tuo dock, proprio come le tue app MacOS.
Ma Parallels 13 fa un passo avanti. Con la modalità “Coherence”, Parallels fa davvero un buon lavoro di fusione con MacOS. Il pannello di Windows 10 scompare e le icone della tua barra delle applicazioni di Windows saltano sulla barra dei menu di MacOS.
Le tue app di Windows vivono anche all’interno dell’ambiente desktop MacOS, proprio come le tue normali app MacOS.
Richiede però un buon hardware e RAM in quantità, meglio 16GB di 8, come d’altronde tutti i processi di virtualizzazione.

Parallels fa un lavoro ammirevole di gestione delle risorse di sistema quando non stai utilizzando le app di Windows, ed esegue senza problemi tutte le applicazioni di Windows 10 come Adobe Photoshop, Premiere Pro e persino Steam sono stati eseguiti senza problemi.

È importante sottolineare che l’esecuzione di Windows 10 tramite Parallels è un po ‘più limitata rispetto all’esecuzione di Windows 10 tramite un’installazione Boot Camp. Parallels è una macchina virtuale – un’emulazione di una macchina Windows – mentre Boot Camp installa solo una versione normale di Windows 10 sul tuo MacBook o iMac.

Giochi avanzati e ricchi di grafica come Overwatch saranno difficilmente giocabili, perchè non è lo scopo di Parallels.

Parallels Desktop 13 riesce a a far funzionare molto bene  funzionalità che sono solo per PC sul Mac. L’ultima è la People Bar, una nuova funzionalità di Windows 10 che porta le informazioni di contatto preferite nella barra delle applicazioni.
PD13 mette questi preferiti nel dock di macOS, ma al momento è limitato all’app per Windows Mail.

PD13 attinge anche al supporto picture-in-picture introdotto in macOS Sierra, consentendo una o più finestre VM di collassare in una piccola vista mobile. Ciò consente agli utenti di monitorare l’attività e funziona anche durante la riproduzione di un video; Le finestre PiP sono semitrasparenti per impostazione predefinita, ma è possibile regolarle in modo completamente opaco utilizzando un cursore nelle impostazioni.

Windows 10 si utilizza facilmente dentro OS X e risulta fluido

Qualsiasi modello Mac può ora visualizzare le informazioni di contatto dalla People bar – una nuova funzionalità della barra delle applicazioni introdotta nell’ultima anteprima di Windows Insider – nella barra Dock del Mac, mentre una nuova modalità Picture-In-Picture consente di visualizzare anteprime in diretta di più VM in esecuzione sullo schermo contemporaneamente.
L’azienda sta anche esplorando la possibilità di utilizzare aggiornamenti grafici esterni, come il Sonnet eGFX Breakaway Box, per migliorare le prestazioni delle macchine virtuali che eseguono applicazioni grafiche di fascia alta come il software Dialux solo per Windows per il lighting design .

Non sarebbe una nuova versione senza alcuni miglioramenti alle funzionalità esistenti. I possessori del Retina Display, vedranno miglioramenti nelle risoluzioni ridimensionate, mentre il ridimensionamento delle finestre di VM ora è molto più agevole. L’aggiornamento offre anche prestazioni fino al 50% più veloci durante l’esecuzione di Windows su Mac, e nella velocità di lettura e scrittura da unità SSD esterne Thunderbolt.

Il nuovo control center

Parallels Desktop 13 ha un nuovo layout, che elimina il tema scuro del Control Center dalla versione precedente.
Il tempismo è buono per coloro che si lamentano della decisione di Apple di ritirare vecchie videocamere professionali come Final Cut Pro 7. Dato che queste app a 32 bit non funzionano più in High Sierra, sono riuscito a creare una nuova macOS 10.12.6 Sierra VM dalla mia Partizione di ripristino in pochi clic utilizzando l’Assistente di installazione di PD13 in modo da poter accedere rapidamente ai progetti più vecchi in caso di necessità.

Il più grande aggiornamento della gamma Mac è stato l’introduzione della Touch Bar sui nuovi portatili MacBook Pro, quindi Parallels Desktop 13 consente ora alla Touch Bar di visualizzare una serie di strumenti e funzionalità all’interno delle macchine virtuali Windows. Quando si avvia una macchina virtuale Windows, la Touch Bar del MacBook inizia duplicando la barra delle applicazioni di Windows e visualizzando le icone per gli elementi aggiunti come Cortana o Esplora file.

Puoi anche utilizzare la Touch Bar per controllare le app di Windows, proprio come puoi con le app native Mac. Parallels Desktop 13 include i controlli predefiniti della barra di contatto per la versione Windows di Microsoft Office, inclusi Word, Excel, PowerPoint e Outlook, e uno strumento di procedura guidata integrato nel programma consente di personalizzare la Touch Bar per lavorare con le tue app Windows preferite.

Come le versioni precedenti, Parallels Desktop 13 offre tre diverse edizioni per diversi tipi di utenti. La Business Edition introduce una nuova ‘modalità applicazione singola’, che esegue semplicemente un’applicazione Windows specifica ed elimina gran parte della complessità di installazione e configurazione del software della macchina virtuale.

Come sempre, Business e Pro Edition richiedono un abbonamento annuale di 79,99 euro IVA inclusa, che include un aggiornamento gratuito a Parallels Desktop 13.
L’edizione standard, per utenti domestici e di istruzione, è disponibile come acquisto una tantum a 69,99 euro IVA inclusa.

Versione standard a 79 euro

Versione Business per aziende a 99 euro

L’elenco delle nuove funzionalità di Parallels Desktop 13 completa un prodotto che continua il processo di integrazione sempre più stretta tra i sistemi operativi Mac e Windows e offre un chiaro vantaggio rispetto ad altri strumenti di virtualizzazione per gli utenti Mac.

Punti forza

  • facile da installare, non richiede procedure tecniche
  • sfrutta bene l’hardware
  • fa girare praticamente tutti i programmi di Windows

Difetti

  • non è pensato per far girare i giochi Windows

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *