Geofencing sui telefoni cos’è e perchè dobbiamo preoccuparcene

I giudici federali degli Stati Uniti stanno iniziando a respingere le richieste della polizia di “mandati di posizione geografica”, citando la costituzione.
In questo articolo ti diremo di cosa si tratta, perchè riguarda la tua privacy e come puoi limitare la capacità del governo (e altri soggetti) di rintracciarti.

Cos’è il geofencing?

In generale, il geofencing si riferisce alla pratica di creare un confine virtuale attorno a un’area fisica del mondo reale.
La tecnica viene spesso utilizzata da operatori di marketing e inserzionisti che desiderano mostrare annunci più pertinenti o offrire suggerimenti personalizzati a persone in una posizione geografica specifica (ad esempio, pubblicando annunci o offerte speciali per un’attività nelle vicinanze).
Il geofencing funziona utilizzando i dati sulla posizione raccolti dai dispositivi mobili, che possono provenire da una serie di fonti diverse, inclusi dati GPS, Bluetooth e Wi-Fi.

Cosa sono i warrant geofence?

I mandati di geofence (a volte chiamati “ricerche di posizione inversa”) sono richieste ufficiali da parte delle forze dell’ordine per accedere ai dati sulla posizione del dispositivo raccolti da grandi aziende tecnologiche come Google o Apple. I mandati specificano un orario e un’area geografica e richiedono alle società di fornire informazioni su tutti i dispositivi che si trovavano in quella zona in quel momento.
Sebbene questi dati siano in genere resi anonimi, possono essere utilizzati insieme ad altre tecniche investigative per collegare dispositivi a utenti specifici e identificare le persone di interesse in un’indagine penale.
La pratica sembra essere in aumento e mentre Google sembra ricevere la maggior parte delle richieste dalle forze dell’ordine, i rapporti indicano che sono coinvolte più aziende tecnologiche.

Cosa c’è di inquietante nei mandati geografici?

I mandati di geofence sono uno strumento legittimo che aiuta le forze dell’ordine a identificare i sospetti di reati gravi quando altre vie di indagine hanno fallito. Tuttavia, gli oppositori delle ricerche di posizione inversa sottolineano che potrebbero implicare persone innocenti in crimini semplicemente perché qualcun altro stava usando il loro telefono: nel 2018, un uomo dell’Arizona è stato incarcerato in un’indagine per omicidio per quasi una settimana in questo tipo di scenario.
Ci sono seri problemi di privacy e legali riguardo alla pratica, e questo è stato ora riconosciuto da diversi giudici incaricati di esaminare le richieste di mandati di questo tipo.

Cosa dice la legge
I giudici del tribunale federale di Chicago hanno recentemente respinto le richieste della polizia per i mandati di geolocalizzazione sulla base del fatto che erano eccessivamente ampi e molto probabilmente incostituzionali, affermando che sembravano violare la probabile causa e i requisiti di particolarità del quarto emendamento. Uno dei giudici ha chiarito che la posta in gioco andava oltre il caso immediato, definendo “il nostro senso collettivo di privacy e fiducia nelle forze dell’ordine con l’uso eccessivo e indisciplinato dei mandati di recinzione da parte del governo.

Sebbene queste decisioni dei tribunali siano state viste da molti come una vittoria per la privacy, la questione non è stata risolta e probabilmente richiederà un’ulteriore revisione giudiziaria.

Come proteggere la tua privacy

molte persone possono non essere d’accordo sulla legalità o la necessità delle forze dell’ordine di utilizzare i mandati di geolocalizzazione nelle indagini penali. Ma il dibattito stesso evidenzia un’importante implicazione sulla privacy per gli utenti mobile di tutti i giorni: vale a dire che i nostri telefoni e tablet stanno cedendo i nostri dati sulla posizione a un numero qualsiasi di app, servizi e aziende tecnologiche.

La buona notizia è che ci sono alcuni passaggi che puoi intraprendere per proteggere la tua privacy e in iOS 14 è più facile che mai limitare la quantità di dati condivisi con terze parti:

  1. Nega alle app il permesso di tracciamento
    In iOS 14, se un’app vuole rintracciarti, deve prima chiedere.
    Potrebbe essere meglio dire “no” a queste richieste di tracciamento per impostazione predefinita. Se in futuro decidi di consentire a un’app di accedere alla tua posizione o ad altri dati, puoi sempre concederlo in base all’app nelle sezioni pertinenti del menu Impostazioni> Privacy.
    Per evitare che le app chiedano se possono rintracciarti, vai su Impostazioni> Privacy> Tracciamento> e disattiva l’impostazione Consenti alle app di richiedere il monitoraggio.
  2. Limita l’accesso ai dati sulla posizione
    Potresti non voler disabilitare completamente i servizi di localizzazione, ma probabilmente è saggio limitare l’accesso solo alle app che ne hanno veramente bisogno e solo quando le stai effettivamente utilizzando.

    Per vedere un elenco di app e le autorizzazioni di localizzazione che hanno, vai su Impostazioni> Privacy> Servizi di localizzazione e fai clic sull’app che desideri ispezionare. Sono disponibili tre impostazioni per l’accesso alla posizione: Mai, Chiedi la prossima volta e Durante l’utilizzo dell’app. Regola empirica: se un’app non ha un buon motivo per accedere alla tua posizione, non condividere i tuoi dati.

    Inoltre, iOS 14 ti consente di fornire alle app solo la tua posizione approssimativa, piuttosto che la tua posizione esatta. Ciò significa che l’app sarà in grado di vedere che ti trovi, ad esempio, da qualche parte a New York, ma non che ti trovi all’angolo tra la 5th Avenue e la East 58th Street, il che può essere utile quando usi cose come notizie e app meteo che devono sapere dove ti trovi nel mondo, ma non entro pochi metri.

    Vai a Impostazioni> Privacy> Servizi di localizzazione e per ogni app vedrai un interruttore per la posizione precisa. Se desideri condividere solo la tua posizione approssimativa con quell’app, impostalo su Off.
  3. Limita l’accesso ai dati del Bluetooth
    I dati Bluetooth possono essere utilizzati anche per determinare la tua posizione, quindi devono essere trattati con cautela.
    Alcune persone preferiscono disabilitare del tutto il Bluetooth, cosa che può essere eseguita in Impostazioni> Bluetooth, e questa potrebbe essere un’opzione perfettamente ragionevole per coloro che non utilizzano effettivamente la funzionalità. Tuttavia, è anche possibile consentire l’accesso Bluetooth limitato solo ad app selezionate. Per vedere queste opzioni, vai su Impostazioni> Privacy> Bluetooth per vedere un elenco di app che hanno precedentemente richiesto l’accesso Bluetooth. Per concedere l’accesso Bluetooth a un’app, sposta l’interruttore su On; per negarlo, spostare l’interruttore su Off.
    Come per i servizi di localizzazione, lascia che il buon senso sia la tua guida. Un’app per un dispositivo indossabile che controlli con il tuo iPhone potrebbe davvero richiedere l’accesso Bluetooth; un social media o un’app di fotoritocco probabilmente non ne ha bisogno.
  4. Usa indirizzi Wi-Fi privati
    Questa funzione è abilitata per impostazione predefinita su iOS 14, quindi non c’è molto da dire qui tranne che non dovresti disabilitarla! Ogni volta che ti colleghi a una nuova rete Wi-Fi, il tuo dispositivo iOS si identificherà con quella rete utilizzando un indirizzo MAC (media access control) univoco. Questo aiuta ad anonimizzare il tuo dispositivo quando ti connetti a diverse reti Wi-Fi: poiché si unisce a ciascuna di esse con un numero identificativo diverso, sarà più difficile per gli osservatori di rete capire che due o più di questi numeri appartengono effettivamente allo stesso dispositivo

    Per visualizzare queste impostazioni, vai su Impostazioni> Wi-Fi e tocca il simbolo delle informazioni accanto a qualsiasi rete. L’opzione Indirizzo privato sarà attivata per impostazione predefinita.
  5. Disabilita il monitoraggio negli account Google
    Se hai un account Google, ci sono alcune impostazioni di rilevamento della posizione nascoste che dovresti conoscere e che puoi disabilitare a livello di account, invece che su un solo dispositivo. In iOS, dall’app Google vai su Account Google> Informazioni personali e privacy> Le mie attività. Qui troverai due impostazioni che influenzano il modo in cui Google raccoglie i dati sulla posizione. Uno è abbastanza chiaro: Cronologia delle posizioni.
    Ma l’altro potrebbe non essere così ovvio: Attività web e app.
    Questa seconda impostazione controlla un altro modo in cui Google raccoglie i dati sul tuo dispositivo (inclusi i dati sulla posizione), anche dopo che hai messo in pausa la Cronologia delle posizioni. Disattiva Cronologia delle posizioni e Attività web e app se temi che Google possa monitorare la tua posizione. E a rischio di sembrare di parte, potresti prendere in considerazione le alternative Apple ai servizi Google, poiché generalmente gestiscono la privacy degli utenti meglio di Google.

Prova Mackeeper l’antivirus pensato per il Mac, scarica la versione di prova o acquistalo sul sito del produttore.

Download MacKeeper Download MacKeeper

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *