Cosa fare quando si compra nuovo Mac: migrazione dei file o nuova installazione?

Se avete appena acquistato un nuovo Mac, e normale voler trasferire i file e i dati da un vecchio computer  per essere accessibili sulla nuova macchina.
Ma quando si deve fare questa operazione con un nuovo Mac la domanda sorge spontanea:
si deve eseguire la migrazione o fare una nuova installazione?

Quando si acquista un nuovo Mac, potrebbe essere una buona idea fare una installazione pulita partendo da zero, con un sistema operativo nuovo di zecca, e aggiungere i file necessari manualmente.
Ecco come migrare i file sul nuovo Mac, o fare un’installazione pulita, e i pro e i contro di entrambi i metodi.

Opzione 1 Migrazione

Apple include uno strumento molto utile, come parte del suo sistema operativo OS X: il Migration Assistant.
Quando si installa un nuovo Mac l’Impostazione Assistita, che si vede quando si inizia offre di copiare i file, per utilizzare questo strumento, basta collegare due Mac tramite una porta FireWire o il cavo Ethernet Thunderbolt; oppure collegare il nuovo Mac a un disco rigido in cui è stato clonato il volume di avvio (con una app come Intego Personal Backup); o collegarlo ad una unità in cui hai fatto un backup di Time Machine.

Migration Assistant è facile da usare.
Seleziona l’unità Mac o il disco da cui si desidera copiare i dati, quindi selezionare il tipo di dati che si desidera trasferire, account utente, applicazioni, altri file e cartelle e impostazioni e e attendi mentre i file vengono copiati.

Il vantaggio di questo metodo è che tutti i file vengono copiati, ed è molto facile e intuitivo. Ma lo svantaggio di utilizzare la funzione di Migrazione è che tutti i file vengono copiati.
Quindi se vi sono stati diversi aggiornamenti del Mac nel corso degli anni con l’installazione di nuove versioni di OS X oltre quelle vecchie, con la migrazione dei dati dal vecchio Mac a quello nuovo, avrete centinaia, addirittura migliaia di vecchi file che non sono più necessari.
Per questo motivo, si dotrebbe prendere in considerazione di fare una nuova installazione.

OS-X-Yosemite-Installazione

Opzione 2 (consigliata) Installazione pulita

Quando si esegue una nuova installazione, si lascia che OS X segua il suo setup creando un nuovo account utente, vuoto.
Durante il processo, si immettono alcune informazioni, come il tuo ID Apple, così il vostro account iCloud sarà attivo, ma, per la maggior parte, il vostro Mac sarà una tabula rasa.

Se si segue questa strada, è quindi necessario copiare manualmente i file dal vecchio Mac, o da un backup.
Questa parte del processo può richiedere molto tempo, ma permette di selezionare i file per trovare quelli di cui si ha realmente bisogno, e quindi di snellire il vostro Mac non occupando già dall’inizio dell’utilizzo molti gigabyte di spazio inutile!

Ecco cosa consigliamo di copiare dopo una nuova installazione:

1) Applicazioni: OS X installa una serie di applicazioni, molte delle quali probabilmente di uso quotidiano.
Queste includono il browser Safari Web, Mail, Calendario, iTunes, iPhoto, e le applicazioni iWork (Pages, Numbers e Keynote).
Ma probabilmente voi utilizzate molte altre applicazioni sul vostro Mac. Se avete acquistato applicazioni dal Mac App Store, è necessario fare nuovamente il download; infatti se si copiano queste applicazioni da un Mac ad un altro non funzioneranno.
Ma per qualsiasi applicazione che hai acquistato direttamente dagli sviluppatori, è più facile copiarla manualmente, quindi questo è un buon momento per decidere quale delle molte applicazioni salvate nella cartella Applicazioni si desidera conservare.
Si possono trovare decine di applicazioni che si usano raramente, quindi facciamo una cernita e non copiamole.

2) La cartella home: di solito si desidera copiare la maggior parte dei file dalla cartella principale (che è la cartella con l’icona casa e il tuo nome utente).
Non si devono copiare le cartelle al livello superiore della home come Desktop, Documenti, Download, Film, Musica e Immagini, ma il contenuto di queste cartelle nelle cartelle con nomi identici sul nuovo Mac.
Ancora una volta, cogliamo l’occasione per verificare se è necessario mantenere tutti i file presenti in queste cartelle.

3) Cartella Libreria: c’è una cartella speciale nella vostra cartella home denominata Library.
Per impostazione predefinita, questa cartella è nascosta, ma contiene molti file che si dovrebbero copiare. Ad esempio, tutte le tue e-mail sono conservate di default in questa cartella..
In primo luogo, è necessario accedere a questa cartella nascosta sul nuovo Mac.
Nel Finder (funzione Trova) premi Command-Shift-G, e quindi digita: ~/ Library. Fai clic su Vai per visualizzare il contenuto di questa cartella.
In un’altra finestra del Finder fai la stessa cosa per vedere la vecchia cartella Libreria. Premi Command-Shift-G, quindi inserisci per esempio, /Volumes/backup disk-name/Utenti/ il-tuo-user-name/Library, e fai clic su Vai.

Ecco un elenco di cartelle che si possono copiare dalla vecchio cartella Libreria alla nuova:

  • Supporto applicazioni, guardiamo dentro questa cartella, e copiamo solo le cartelle per le applicazioni che si stanno ancora usando. Assicurati di copiare la cartella AddressBook in questa cartella.
  • Calendari
  • Fonts
  • iTunes; questo contiene iTunes plug-in, AppleScript, e aggiornamenti iOS.
  • Portachiavi; questo contiene tutte le password memorizzate.
  • Posta; questo contiene tutte le vostre e-mail, e le impostazioni di posta elettronica.
  • Pannelli delle preferenze
  • Safari; questo ha i vostri preferiti di Safari.

Non consiglio di copiare la cartella Preferenze perchè probabilmente contiene un sacco di file per le applicazioni non più utilizzate.

Noterete, come si inizia a lavorare con il nuovo Mac, che sarà necessario inserire i numeri di serie per tutte le applicazioni che non avete acquistato dal Mac App Store. Questo perché molte applicazioni memorizzano i file invisibili sul vostro Mac ai fini della registrazione, e questi non sono stati copiati.
Quindi assicuratevi di avere a portata di mano i vostri numeri di serie.

Mentre si lavora sul nuovo Mac, è possibile che alcuni file siano mancanti; per questo motivo si dovrebbe assolutamente non eliminare il vecchio backup, e in particolare la cartella Libreria perchè potrebbe essere necessario tornare in quella cartella e copiare altri file al nuovo Mac.

Mentre non consiglio di fare una nuova installazione per ogni nuovo Mac che si acquista, o per ogni aggiornamento di OS X, è una buona idea farlo ogni qualche anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto