I ricatti con l’hard disk criptato si diffondono sui Mac

Gli esperti di sicurezza della FortiGuard Lab hanno scoperto un portale che vende a potenziali ricattatori un malware per criptare i Mac e chiedere un riscatto agli utenti, sulla scia del noto Wannacry.

Molti utenti di Mac OS potrebbero supporre che il loro computer sia esente da problemi come gli attacchi di ransomware (i malware che bloccano i computer e chiedono centinaia du euro per sbloccarli) e pensare che il loro sistema sia in qualche modo essenzialmente “sicuro”. È vero che è meno probabile che un utente Mac OS sia attacato o infettato da un malware di un utente Windows, ma questo non ha nulla a che fare con il livello di vulnerabilità del sistema operativo.
Questa falsa sensazione di sicurezza è in gran parte causata dal fatto che oltre il 90% dei personal computer gira con Microsoft Windows e solo circa il 6% su Apple Mac OS.

Antivirus Mac comparativa

Di recente i FortiGuard Labs hanno scoperto un Ransomware-as-a-service (RaaS) che utilizza un portale web ospitato in una rete TOR che oggi è diventata una tendenza. Tuttavia, in questo caso era piuttosto interessante vedere che i cybercriminali attaccano un sistema operativo diverso da Windows. E questa potrebbe essere la prima volta per vedere un RaaS che punta a Mac OS.
Questa variante di MacRansom non è disponibile direttamente tramite il portale, ma è necessario contattare direttamente l’autore per farsi costruire e spedire il ransomware, di cui viene chiesto un pagamento in Bitcoin.

Ricatti per tutti

Nella pagina delle domande frequenti (FAQ) di MacRansom, l’hacker creatore dichiara che il ransomware è rivolto a “persone che vogliono reprimere in modo fraudolento un altro utente di Mac” e “persone che vogliono guadagnare soldi facili da parte utenti Mac ignari come, conoscenti, colleghi e compagni di classe o di lavoro”.
Questo significa in pratica comprare un malware che non si sarebbe in grado di creare, e utilizzarlo per tentare di ricattare possibili vittime senza essere per forza un hacker esperto; chi costrisce il virus e chi lo diffonde potrebbero poi spartirsi gli eventuali guadagni illeciti.
Il consiglio è ovviamente quello di non cedere ai ricatti e seguire la nostra guida per la protezione del Mac dai Ransomware.

Conclusioni

MacRansom è un altro esempio della minaccia crescente portata dai ransomware, indipendentemente dalla piattaforma in esecuzione. Non ci sono soluzioni perfette contro il ransomware, tuttavia, l’impatto può essere ridotto al minimo eseguendo regolarmente i backup di file importanti e facendo attenzione quando si aprono file da fonti o sviluppatori non identificati.

Scarica Mackeeper l’antivirus pensato per il Mac!

Download MacKeeper

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *